Procedimenti

Procedimenti

  • Italia Startup Visa
  • Prevista per la prima volta in attuazione di una disposizione del DPCM Flussi del 2014, Italia Startup Visa (ISV) è una procedura semplificata di ottenimento del visto per lavoro autonomo rivolta ai cittadini non UE che intendono avviare una startup innovativa (ex d.l. 179/2012) in Italia. Il rilascio del visto richiede il previo ottenimento di un nulla osta. Mentre per il visto per lavoro autonomo “ordinario” questo viene rilasciato dalla CCIAA competente per territorio, per le startup innovative tale adempimento spetta al MISE, e in particolare a un Comitato tecnico presieduto dal Direttore Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le PMI (DGPICPMI). I membri del Comitato, nominati dal DG PICPMI, sono rappresentanti di riconosciute organizzazioni dell’ecosistema dell’innovazione italiano (incubatori, parchi scientifici e tecnologici, venture capital, business angel, trasferimento tecnologico). Le candidature vengono trasmesse digitalmente attraverso la casella di posta elettronica ordinaria italiastartupvisa@mise.gov.it. Archiviate e controllate dalla Divisione VI della DGPICPMI, queste vengono poi trasmesse al Comitato per una valutazione di merito sui contenuti dell’iniziativa imprenditoriale, i cui criteri sono stabiliti in apposite linee guida, redatte congiuntamente al Comitato e alle ripartizioni rilevanti dei Ministeri dell’Interno e degli Esteri. Nel contempo, per conto del candidato al visto, il Presidente del Comitato richiede alla Questura competente per territorio un nulla osta provvisorio all’ingresso. Se la valutazione del Comitato è positiva e la Questura non rileva condizioni ostative all’ingresso in Italia, il Presidente del Comitato firma un nulla osta, trasmesso sempre per posta elettronica al richiedente visto. Con il nulla osta, se sussistono tutti gli altri requisiti previsti dalla normativa generale sui visti, il richiedente potrà presentarsi in un’Ambasciata o consolato italiano nel suo paese di stabile residenza per fare formalmente domanda di visto per lavoro autonomo “startup
  • DGPICPMI
  • Divisione VI - Politiche per le PMI, il movimento cooperativo e le Start up innovative. Responsabilità sociale d'impresa e cooperazione industriale internazionale
  • italiastartupvisa@pec.sviluppoeconomico.gov.it
  • Dott.ssa FRANCESCONI Maria Benedetta
  • Via Molise, 2 00187 ROMA
  • DPCM 15 dicembre 2017 (cd. “Decreto flussi 2018”); Circolare Interno-MLPS del 17 gennaio 2018 - Flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l’anno 2018; Linee Guida congiunte MISE-MAECI-MinInterno del 20 marzo 2018
  • Si rimanda al testo delle Linee Guida del programma ISV: http://italiastartupvisa.mise.gov.it/media/documents/Linee%20Guida%20ISV%20ITA%2019_05_2017%20fin.pdf
  • Gli stessi previsti dalla Legge 241/90
  • 30 giorni dalla data di ricezione della candidatura, salvo eventuali richieste di integrazione (ex L. 241/90)